Shock da globalizzazione: la sindrome della “gallina con la zampa alzata”.

do Aldo Giannuli

gallina_940Come l’osservazione insegna, le galline, sono fortemente indecise sulla direzione da prendere o sul da farsi, restano immobili, come in ipnosi, con una zampa alzata. Ed in questa posizione possono restare anche per molti minuti.

A volte questa situazione è prodotta da improvvisi lampi che stordiscono l’animale inducendolo ad una sorta di stato di trance, tanto più prolungato, quanto più i lampi si ripetono.

Forse questo esempio ci fa capire che sta succedendo ai piani alti del sistema occidentale.

I decisori (statisti, finanzieri, militari ecc..) sono entrati nella globalizzazione a bandiere spiegate ed a passo di carica, convinti che avrebbero facilmente travolto ogni ostacolo e tali sono rimati sino al 2007-2008, quando è iniziata la nuova “grande crisi”.

Il 2008 è stato l’anno di svolta, quando la crisi è stata conclamata in contemporanea alle Olimpiadi di Pechino ed alla crisi georgiana. Le prime annunciarono al mondo che la Cina era venti anni più avanti sulle previsioni e si avviava a diventare in brevissimo tempo la seconda grande potenza mondiale; la crisi georgiana con il mancato intervento americano ed europeo, su cui Saakasvili contava, ha segnalato un ritorno tacito di zone d’influenza nelle quali gli Usa non entrano. Le tre cose insieme, segnalarono il tramonto dell’ordine mondiale monopolare che, con la caduta dell’Urss, si era immaginato dovesse imporsi per un’intera epoca storica.

In questo contesto Obama era eletto come primo presidente dell’epoca post monopolare. Da quel momento i “decisori” occidentali (tanto in sede politica quanto in sede finanziaria) hanno iniziato ad essere via via meno sicuri. Prima hanno cercato di negare la crisi, dopo l’hanno data per destinata a risolversi in breve, dopo hanno cercato di trattare i diversi casi finanziari e politici come se si trattasse di fenomeni separati e non interdipendenti.

Gli sviluppi successivi (seconda caduta della crisi nel 2011-12; primavere arabe, guerra di Libia, ritiro americano da Afghanistan ed Iraq, ondata “populista” in Europa, crisi del Califfato ecc.) sono stati alti lampi che hanno ulteriormente “accecato” i decisori, riducendone molto l’effettiva operatività: di fatto, di fronte alla crisi finanziaria, l’unica decisione che sono stati capaci di assumere sono state le continue iniezioni di liquidità, mentre nessuno dei tentativi di riforma del settore è andata a buon fine.

In questa paralisi dell’azione dei decisori pesa grandemente l’incapacità degli intellettuali di reagire sviluppando una critica adeguata al sistema.

Ma pesano anche altri fattori, come l’autoinganno ideologico del pensiero neo liberista. La scelta fatta trenta anni fa è stata quella di delegittimare ogni altro pensiero economico, che non fosse quello neo classico, ed ogni pensiero politico, che non fosse quello liberal-conservatore. Nel tritacarne sono finiti non solo i marxisti ma anche i keynesiani, i cattolico sociali, i socialdemocratici e persino i liberali di sinistra o, comunque, non conservatori. La manovra è a lungo riuscita ma oggi la cultura politica ed economica dell’occidente si è enormemente impoverita e non c’è una classe politica di ricambio (come abbiamo detto in un pezzo precedente), come sempre accade quando tace il dibattito politico e culturale.

Oggi ne paghiamo tutti il prezzo con una classe di decisori politici e finanziari che non sanno dove andare  e restano a guardare immobili con la zampa alzata.

Fonte: blog di Aldo Giannuli (la foto è tratta dallo stesso sito)

Le foto presenti in questa sezione sono state per lo più ricavate da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione su questo sito, potranno segnalarlo all’indirizzo email: dafniruscetta@yahoo.it’

Comments are closed.