Il reale e l’irreale…

Modolo

E Si riparte ancora una volta verso la città…si saluta la campagna, quel luogo dell’anima in cui si fugge il fine settimana dal frastuono dei rumori di umanità in continuo movimento (in corsa verso dove poi…?). Ma forse più si fugge dai rumori di una dimensione mentale dominata dai pensieri, che affollano costantemente i ns momenti e che spesso si trasformano in inutili preoccupazioni o afflizioni. La campagna, invece, ti permette di far vibrare altri centri, allora i pensieri evaporano, con essi le preoccupazioni. E la sera, guardando i frutti del tuo lavoro, senti una ‘strana’ sensazione. La definirei serenità…

Dafni Ruscetta

Comments are closed.